L'estate dei furbetti, una casa vacanza su due affittata in maniera irregolare

Una casa su due di quelle che vengono affittate nelle località di vacanza, viene ceduta in maniera irregolare. A confermarlo le indigine della guardia di finanza. Infatti, anche quest'estate sotto la lente d'ingrandimento delle Fiamme Gialle sono finiti i proprietari di seconde e terze case per gli affitti nelle località di vacanza: degli 895 controlli complessivamente svolti, uno su due è risultato irregolare. 539 le violazioni rilevate. In Puglia, Toscana e Lazio i casi più numerosi. 

Da metà giugno ad oggi la Guardia di Finanza ha effettuato 22.271 controlli nelle località di vacanza e nelle città d'arte, quasi 500 al giorno, il doppio rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso soprattutto nei settori più a rischio durante l'estate: l'abusivismo commerciale, l'evasione fiscale legata alle case vacanza, la contraffazione, il lavoro nero e il caporalato.

Tra le situazioni al limite sono stati riscontrati i cosiddetti «ghost hotel» di Taormina (ME): Bed & Breakfast completamente sconosciuti al Fisco e appartamenti affittati «in nero». I soggetti che li gestivano hanno omesso di dichiarare redditi per oltre 130 mila euro. 

 

Leggi l'articolo completo su Corriere Adriatico.it
Outbrain