Cingoli, «Mi lasci pure le chiavi dell'auto», ma il clochard gliela ruba

CINGOLI - Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio. Ha imparato la lezione una 67enne di Cingoli che giovedì della scorsa settimana era arrivata alla stazione di Ancona alle 4 del mattino per prendere il treno per Bologna.
Era in ritardo e così, nella fretta, ha accettato l’invito di uno sconosciuto che si è spacciato per addetto alle pulizie e si è proposto di parcheggiare la sua auto in vicinanza, in un luogo sicuro. «Lascerò le chiavi al titolare dell’edicola della stazione», le ha detto. E la donna si è avviata verso il treno soddisfatta anche di aver sistemato in pochissimo tempo la questione posteggio. Ma quella piccola gioia si è trasformata in disperazione quando la signora è rientrata. Il giorno dopo infatti la sua Kia era sparita. La donna ha sporto denuncia agli agenti della Polizia Ferroviaria che, analizzando le immagini delle spycam, in 48 ore sono risaliti all’imbroglione: è un clochard di 52 anni (B.B.), avellinese, denunciato per appropriazione indebita. «Volevo solo dormire nell’auto», ha confessato alla Polfer. Lui e la Kia (riconsegnata alla proprietaria) sono stati trovati nel parcheggio dell’ospedale di Senigallia.

Leggi l'articolo completo su Corriere Adriatico.it
Outbrain