Ancona, le mascherine "made in Italy" sono fatte in Albania: maxi sequestro della Finanza al porto

ANCONA - Quelle mascherine "made in Italy" e le istruzioni completamente in italiano in realtà sono state fatte in Albania: scatta il maxi sequestro al porto di Ancona.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, rientri dall'estero e ingressi all'ospedale: sono 4 i nuovi positivi nelle Marche/ Il contagio nelle regioni

Il bagnino-influencer Ercoles denunciato dopo il battibecco social. E su Facebook scatta il crowfounding

Il sequestro amministrativo è stato effettuato dalla Guardia di Finanza e dall'Ufficio dogane: le diecimila mascherine filtranti in tessuto non riportavano indicazioni d'origine e avevano un confezionamento completamente in lingua italiana con riferimento ad un rivenditore italiano, ma provenivano dall'Albania. Indicazioni potevano infatti trarre in inganno il consumatore in violazione dell'art. 4, comma 49 della l. 350/2003 che prevede una sanzione pecuniaria da 10mila e 250mila euro. Il destinatario della merce è stato segnalato alla Camera di Commercio.
 

Leggi l'articolo completo
su Corriere Adriatico
Il padre finisce contro un muretto con l'auto e si ribalta: muore un bambino di 10 anni
Coronavirus, altri 24 nuovi positivi nelle Marche: resta forte l'allarme nel Piceno / Il contagio nelle regioni
Contagiato durante la vacanza in Sardegna: Francesco Merloni ha fatto ritorno a casa
Due anziani in terapia intensiva: il Covid torna davvero a fare paura
La rabbia dei genitori: «I nostri figli fermi per 25 minuti sotto la pioggia davanti alla scuola»