La direttrice dell'Ufficio regionale scolastico, Donatella D'Amico: «Il 2? Se fosse registrato sarebbe sbagliatissimo»

La direttrice dell'Ufficio regionale scolastico, Donatella D'Amico: «Il 2? Se fosse registrato sarebbe sbagliatissimo»
ANCONA - Si affida all’arte della mediazione, Donatella D’Amico. Il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale interviene sul dramma del 14enne...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA SPECIALE

Tutto il sito - Mese

6,99€ 1 € al mese x 12 mesi

Poi solo 4,99€ invece di 6,99€/mese

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Tutto il sito - Anno

79,99€ 9,99 € per 1 anno

Poi solo 49,99€ invece di 79,99€/anno

ANCONA - Si affida all’arte della mediazione, Donatella D’Amico. Il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale interviene sul dramma del 14enne che s’è gettato dalla finestra della sua classe, al Savoia, per un’interrogazione andata male. «Se fosse stato registrato quel 2 - spiega - sarebbe stato sbagliatissimo, perché impossibile da recuperare. Sul registro elettronico non risulta il 2, ma solo la nota didattica. Non so dire se il gesto sia stato causato da quel voto. Una cosa è certa: i ragazzi vanno ascoltati, accompagnati, incoraggiati. È necessario dargli forza. Solo l’autorità giudiziaria chiarirà la dinamica di quanto accaduto».

 

Un passaggio, tuttavia, è certo: dalle indagine emerge che quel punteggio, talmente basso da umiliare, in classe è stato annunciato. Lo hanno sentito tutti. Qui la D’Amico dà una spallata alla prospettiva: «Concentriamoci sul ragazzo, sul percorso per restituirgli serenità e reinserirlo nella scuola». Sollecita la riflessione: «Quante volte capita, a ciascuno di noi, nella vita, di cadere e di rialzarci? Un brutto voto può motivare un simile gesto? Credo piuttosto che dietro quell’azione ci sia un vuoto». Insiste: «L’esigenza è comprendere le reali motivazioni, sia occasionali sia più profonde».

«Preoccupiamoci solo dell'adolescente»

Lo torna a ripetere, come fosse un mantra: «Ora dobbiamo preoccuparci solo per la sorte di quell’adolescente, già ci si sta attivando per rinsaldare il tavolo della coesione». Piazza il sigillo: «È questo il principale interesse della scuola, tutta: ministero, Ufficio regionale, istituzioni scolastiche». Torna a girare la medaglia, ancora una volta: «La comunicazione con i ragazzi è importante. Tutti i docenti dovrebbero usarne una giusta, anche nel dare brutti voti». Su un punto non transige: «Far dimettere la preside? Non scherziamo, è stata la prima che ha attivato ogni intervento per ragazzi, genitori e docenti. È stata eccellente in quello che ha fatto. La professoressa? Demoralizzante che si sta ponendo l’attenzione sulla punizione da infliggere. Solo l’autorità giudiziaria chiarirà cosa è accaduto». Fine delle trasmissioni.

 

Leggi l'articolo completo su
Corriere Adriatico