Sfilate storiche, balli, duelli e l'Aita
Torna la Festa del Duca a Urbino

Sfilate storiche, balli, duelli
e il gioco dell'Aita
​La Festa del Duca a Urbino
URBINO - Da sabato a lunedì Urbino, città Patrimonio dell’Unesco e perla del Rinascimento italiano, veste i preziosi abiti della corte per la XXXVI edizione della “Festa del Duca - Sipari Rinascimentali” con Teatro di Corte, musiche e danze antiche, tornei e giochi storici, laboratori per bambini, fuochi d’artificio rinascimentali e tanto altro per ricordare lo splendore nella storia e nelle arti del Montefeltro. 
Sipari Rinascimentali
Per la XXXVI edizione dei “Sipari Rinascimentali”, A.R.S. Urbino Ducale, presenta grandi novità per fare memoria degli splendori del Montefeltro, tra queste la rassegna ad hoc “Teatro di Corte” a Palazzo Ducale. Come succedeva ai tempi del Duca Federico quando la città - Palazzo apriva i suoi saloni per accogliere arti e artisti, per tre giorni le opere di Shakespeare, Boccaccio e Dante animeranno gli ambienti più prestigiosi della dimora ducale. Il centro storico di Urbino rivivrà secondo i modi e i costumi quattrocenteschi: locande, antichi mestieri, mercati rinascimentali, giullari, mangiafuoco, musici che si esibiranno per le piazze e vie della città. 
I tornei amati dal duca
Non mancheranno rievocazioni storiche e i tornei amati dal duca Federico: il “Gioco dell’Aita”, sfida di forza e destrezza tra nobili e popolani, praticata nei tempi di non belligeranza, oggi tra i 15 giochi storici riconosciuti dal MiBACT e il Torneo degli Arcieri della “Compagnia Feltria Aquile Ducali”. Il ritmo incessante dei Tamburi Ducali annuncerà i momenti principali delle giornate, mentre la “Caccia al Teshorror” mostrerà un’altra prospettiva, quella più nascosta e misteriosa, del centro storico. Sempre più spazio per i più piccoli con un programma dedicato esclusivamente a loro: laboratori per scoprire e conoscere giochi antichi e dimenticati, spettacoli di burattini, magia e giocoleria.
Pittura all’uovo
Il Palazzo ducale accoglierà nelle sopralogge il laboratorio di “Pittura all’uovo” a cura della maestra Monica Ugoccioni (16-18), mentre la Corte sarà la sede di “Ballar Cortese”, laboratorio per conoscere la danza rinascimentale. Il biglietto di Festa e Teatro di Corte permette la visita di: Centro storico, Cortile di Palazzo Ducale, ingresso ridotto a Galleria Nazionale delle Marche, Casa di Raffaello, Oratori di San Giovanni e San Giuseppe e Rinascimento segreto di Sgarbi. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 9 Agosto 2017, 11:48 - Ultimo aggiornamento: 09-08-2017 11:48

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO