Paolo Belli con la sua Big Band
per la “Notte delle stelle” ad Ascoli

Paolo Belli con la Big Band
a mezzanotte ad Ascoli
​per la “Notte delle stelle”
ASCOLI - È il più istrionico, vivace e duttile dei cantanti italiani, trainato da una simpatia incontenibile e un amore sconfinato verso i climi musicali internazionali retrò. È Paolo Belli, showman televisivo di successo, che oggi affianca la sua carriera sul piccolo schermo con serate dal vivo accanto alla sua colorata formazione “Big Band”. Questa sera lo spettacolo sarà ad Ascoli, in occasione della “Notte dei Desideri”. Ed è curioso che ad essere stato scelto come star della serata, con un concerto in piazza del Popolo a mezzanotte, sia proprio lui che i desideri li ha visti avverare tutti.
Ho la sensazione che Paolo Belli si senta un uomo fortunato, è cosi? 
«Sì, mi sento un privilegiato: svolgo un lavoro che amo moltissimo e che in questo momento storico così delicato mi consente di poter pagare le 25 persone del mio staff. Non è un miracolo?».
Il miracolo è anche quello di unire la grande popolarità con la benevolenza da parte della critica..
«Io mi sento un saltimbanco, tendo a mettermi in gioco, a non prendermi mai sul serio, però le esecuzioni le voglio sempre fare bene: col nostro repertorio miro ad accontentare tutto il pubblico dei concerti ma lo studio è la cosa più importante. Gli ispiratori del mio percorso sono Buscaglione, Carosone, Iannacci, maestri dello swing italiano di una volta».
Come si fa ad osare nei generi pur restando profondamente comprensibili al grande pubblico? 
«Quando nel 2001 affiancai Panariello in “Torno Sabato” alla vigilia Giorgio mi disse che avrei potuto fare quello che volevo con la mia musica, però dovevo ricordarmi sempre di essere su Rai Uno: ecco, la formula è racchiusa tutta qui, tra la qualità e il divertimento». 
Che è anche alla base dell’equilibrio perfetto tra l’aplomb rigoroso di Milly Carlucci e il ruolo scanzonato di Paolo Belli in “Ballando con le stelle”..
«Sì... in effetti io e lei ci azzecchiamo poco l’un con l’altro, però stiamo bene. Milly mi dice sempre che io riesco a sporcarla un po’ senza mai rovinare un solo centimetro della sua figura. Mi piace quest’immagine». 
So che le Marche sono un suo vecchio amore...
«E non solo perché confinano con la mia regione. Pensa che noi ogni anno in tour partiamo dalle Marche perché ci porta bene. Sono luoghi in cui la musica è nel sangue di chi ci abita».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 10 Agosto 2017, 12:13 - Ultimo aggiornamento: 10-08-2017 12:13

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO