I primi calci, gli scudetti, la Nazionale
e poi il Bayern: «Ma resto solo Raffa»

I primi calci, gli scudetti
la Nazionale e poi il Bayern:
«Ma resto solo Raffa»
di Camilla Cataldo
Una Zidane (il suo idolo) in gonnella, una pesarese – della quale colpiscono la profondità e i contenuti - sul tetto del mondo calcistico. Raffaella Manieri, difensore nell’ultima stagione in forza al Brescia, ha conquistato cinque campionati italiani, due Bundesliga, una Coppa Italia e sei Supercoppe. Una vincente sul campo e nella vita, partita dalla piccola Santa Maria Dell’Arzilla dove era la sola bimba in mezzo a tanti ometti. Ma dal manto verde emergeva. «Mia mamma mi racconta che ho toccato il primo pallone a due anni e da lì non ho più smesso. A casa mia nessuno praticava o seguiva il calcio e sono stata fortunata perché non ricevevo consigli». Papà Gianni Manieri era già il presidente della società in cui la figlia giocava e anche la mamma gli fa compagnia. Ora pure il fratello è un appassionato. «Vedere oggi quelle bimbe che giocano insieme, a me e ai miei genitori – che ringrazio - fa venire i brividi. Vuol dire che qualcosa abbiamo fatto. È tutta beneficenza, ma i valori sono quelli giusti. Ho deciso di dedicare il mio futuro a far sognare altre bambine ed è già realtà, visto che abbiamo avviato da anni il progetto Pink Arzilla, l’unico settore giovanile strutturato nel territorio». Il Bayern Monaco è l’apoteosi di una carriera ancora giovane.

L’apoteosi di una carriera
«I primi sei mesi furono un’agonia – assicura Raffaella, 30 anni -. La cultura completamente diversa, sedute intense, una rosa di 27 giocatrici di cui solo 11 scendevano in campo, una competizione altissima… Ci ho messo sei mesi a prendere il loro ritmo. Non conoscevo il tedesco né l’inglese, la forza me la davano l’obiettivo prefissato e il fatto di essere in un ambiente professionistico, che mi piaceva tantissimo. Alla prima di ritorno entro in campo e cambia la mia vita: divento titolare e porto l’italianità in spogliatoio. Ero l’addetta alla musica, dovevo motivare le ragazze prima della partita e caricarle dopo. Il primo scudetto fu bellissimo e incredibile. Vinsero anche gli uomini e non dimenticherò mai i festeggiamenti in Municipio sul balcone davanti a 15mila persone». Una vita con la valigia che l’ha forgiata dandole un’impostazione dura e forte, senza toglierle un grammo del suo sorriso solare e aperto. «I sacrifici sono stati ripagati: per due anni mi allenavo e facevo esercizi a casa. Mi sono formata caratterialmente, mi reputo una donna diversa. Ho intrapreso un percorso personale e ho trovato delle risposte dentro di me. Sono uscita con un bagaglio micidiale, vengo vista come una bella persona. Sono voluta tornare perché mi ero indurita nei rapporti umani, i tedeschi sono chiusi e schematici e io ho bisogno di ridere e scherzare. Là sei risucchiata».



Mangiare sano
Come cura la sua femminilità? «Mangiando sano, ho capito che fa la differenza. Sono semplice, umile e, anche nel vestire, non amo essere stravagante o troppo in vista. Penso che la femminilità sia interiore e ora mi sento più donna. Mi trovo a pensare a una famiglia, a un figlio… Noi atlete siamo discriminate e io non ho una situazione stabile né economicamente né di coppia. Un uomo, per starmi vicino, deve stupirmi, odio l’abitudine. Ogni tanto mi manca, ma mi rendo conto che la prima cosa è essere felici con se stessi». L’omosessualità nello sport non è altro che un fattore culturale.

Il fattore culturale
«Sono molto aperta e mi ci sono imbattuta, ma guardo le persone come essere umani. Siamo tutti uguali e al tempo stesso unici e diversi, non mi baso su questo e non giudico al primo impatto, vado oltre. Non mi piacciono gli abiti preconfezionati». La forza delle donne? «Dobbiamo partorire e non è poco. La forza più grande è mentale e – se vogliamo – sappiamo anche accettare le violenze. Calcisticamente, abbiamo una dedizione e abnegazione totale, diamo il 100% in allenamento e in partita, gli uomini no». Non si ritiene vanitosa: «Per niente. Mi trucco raramente perché voglio vedermi con un altro aspetto. Sono una da camper e tenda, amo la natura e mi sono avvicinata alla meditazione. Sto con me stessa fuori dallo stress e mi colpisce tutto ciò che è energia». E’ felice e lo trasmette. In fondo ha realizzato il suo sogno.



Riassumendo il Raffa pensiero
«Lì per lì non te ne rendi conto. Appena l’hai fatto c’è il vuoto che ti aspetta e devi crearti nuovi obiettivi». Riassumendo il Manieri pensiero: «Anche se mi sono dovuta spostare per crescere professionalmente, i valori diffusi di benessere, movimento e spirito di squadra che distinguono la nostra comunità sono le mie radici».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 17 Luglio 2017, 17:59 - Ultimo aggiornamento: 17-07-2017 17:59

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO