Tende speciali per gli allevatori

L'APPELLOARQUATA «Sono passati più di due mesi da quando la terra sotto i nostri piedi ha cominciato a tremare ma non possiamo permetterci di abbandonare la nostra terra, il nostro lavoro. Come possiamo abbandonare i nostri animali?» scrive Maria Ortenzi, allevatrice di Spelonga d'Arquata. «Siamo agricoltori e nel contempo allevatori ma il nostro è sempre stato più che un lavoro, perché mosso da passione. Quella domenica sera i nostri due pastori maremmani, cani fedelissimi al gregge, erano aggressivi, vedendo i propri padroni insoliti...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo

Venerdì 2 Dicembre 2016, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 05:00