Niente stipendi: fabbrica vuota

Niente stipendi, operai a casa. Dopo la vicenda della Mobil Recod di Fontanelle, altro caso spinoso per il settore del mobile e l'economia locale. Ieri pomeriggio gli operai della Pmt spa, sede di via Magnadola 30 in zona industriale sud, sono rimasti a casa "per mancanza di lavoro". In una nota gli opera esasperati e in difficoltà spiegano: «Domattina (oggi, ndr) inizieremo di nuovo l'occupazione dell'azienda. I lavoratori sono fermi dallo scorso 10 febbraio, non vengono pagati gli stipendi da novembre, non c'è il materiale per lavorare. Anche alcuni terzisti sono bloccati per mancati pagamenti. Il rischio è quello di portare i libri in tribunale». Chi ieri passava per la zona industriale ha subito notato il cancello chiuso alla Pmt e le pochissime macchine parcheggiate. La questione è piuttosto complessa e ieri la conferma è arrivata anche dalle maestranze sindacali, che incontreranno i lavoratori domani, giovedì. Veronica Gallina della Fillea Cigl spiega: «Gli stabilimenti della Pmt a Motta sono due: uno in via Magnadola e uno in via Pordenone a San Giovanni di Motta. Il problema maggiore è quello relativo alla sede di via Magnadola. I lavoratori attendono almeno due mensilità, più alcuni hanno delle ulteriori pendenze. E vogliono sapere quando potranno essere pagati. Per quanto ci riguarda abbiamo già avuto un incontro con l'azienda, la quale ha affermato che i pagamenti verranno effettuati verso fine mese. Ma non abbiamo altri particolari e siamo in attesa che l'azienda ci contatti». Nel frattempo domani ci sarà un incontro: «Parleremo con i lavoratori di entrambi gli stabilimenti e analizzeremo la situazione». Quale la sensazione? «I lavoratori vogliono solo chiarezza, cercano di sapere quando potranno essere pagati. Sono qui per lavorare, se ci fossero dei piani industriali vorrebbero solo essere informati». L'attesa dunque è tutta per domani, data programmata dell'assemblea dei lavoratori con i rappresentanti sindacali. L'assemblea si terrà sia nello stabilimento della zona industriale sud di Motta dove sono occupati venti operai che in quello di via Pordenone a San Giovanni che conta poco meno di un cnetinaio di lavoratori. La speranza è che a fine mese la situazione si blocchi con il pagamento delgi stipendi. Alcuni operai della Pmt che produce pannelli per mobili, nei mesi scorsi avevano segnalato il proprio malessere ma avevano deciso di non divulgare la situazione. Ieri invece il problema è scoppiato in tutta la sua drammaticità con la nota degli stessi lavoratori.

Mercoledì 18 Febbraio 2015, 05:09 - Ultimo aggiornamento: 30-11--0001 00:00

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO