Forestale, blitz nelle cave:
raffica di denunce e sequestri

Forestale, blitz nelle cave:
raffica di denunce e sequestri
PERUGIA - Controlli della Forestale nelle cave della Regione per «verificare il corretto svolgimento delle attivitą estrattive nella regione».





I controlli, ancora in corso, dicono che su 48 cave fin qui oggetto di verifica in regione, sono stati trovgati illeciti penali in otto fra queste e sanzioni per 370mila euro.





In provincia di Perugia sono al momento 40 i controlli effettuati ed hanno riguardato principalmente i comprensori eugubino-gualdese e spoletino, di seguito il folignate. In sei casi il personale ha riscontrato illeciti penali che hanno determinato il deferimento all’autoritĆ  giudiziaria dei legali rappresentanti delle ditte. Mancanza della autorizzazione paesaggistica necessaria per effettuare l’attivitĆ  estrattiva, illecita gestione dei rifiuti, scarico di acque reflue industriali senza autorizzazione, realizzazione di discarica abusiva, mancanza di autorizzazione paesaggistica ed edilizia per impianti di lavorazione del materiale estratto e deposito incontrollato di rifiuti speciali: queste le irregolaritĆ  riscontrate.



Ā«Sono stati effettuati tre sequestri penali aventi ad oggetto rifiuti, manufatti senza titolo edilizio, impianti di frantumazione e vagliaturaĀ» rende noto la Forestale.



In provincia di Terni sono 8 le cave controllate e sono stati accertati due illeciti penali per mancata tenuta del registro delle emissioni in atmosfera e l’altra per gestione illecita di rifiuti. E’ stato eseguito un sequestro preventivo e una comunicazione alla Direzione provinciale del lavoro di Terni per un lavoratore impiegato in nero.



Per quanto riguarda le cave dismesse sono in corso opere di recupero finalizzate alla ricomposizione geomorfologica ed al reinserimento paesaggistico delle aree di cava.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MercoledƬ 27 Novembre 2013, 13:08 - Ultimo aggiornamento: 27-11-2013 13:08

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO