Porto Sant'Elpidio, cresce l'allarme
Alla Faleriense sos per la spiaggia

Faleriense, cresce l'allarme
per l'erosione della spiaggia
I balneari sono esasperati
PORTO SANT'ELPIDIO - Erosione, il sindaco è tornato in regione per vedere come difendere il lungomare dalle mareggiate. Vertice a Palazzo Leopardi con l’assessore regionale alla Difesa della costa Angelo Sciapichetti. «E’ stato un incontro molto tecnico» spiega Nazareno Franchellucci di ritorno dal capoluogo dorico.

Il problema è sentito nella riviera che si prepara alla stagione balneare ed è pronta a ricevere la decima bandiera blu. Gli chalet del centro cominciano a mettere gli ombrelloni, ma a sud, ieri, il mare è arrivato a minacciare gli stabilimenti. «Non c’è possibilità di mettere nemmeno un ombrellone da noi» sottolinea Andrea Di Santo, titolare dello chalet Pepe Nero.

In via Faleria l’eccezione è il camping Le Mimose che, dalla scorsa estate, ha più spiaggia rispetto al passato perché si è accumulato materiale ghiaioso in prossimità della foce del fiume Tenna. Tutti gli chalet, da Crazy Summer a Minù, in linea di massima sono in sofferenza. Le criticità maggiori si registrano nella zona che negli ultimi 15 anni è stata divorata dall’acqua salata.

La faccenda potrebbe finire in Tribunale, qualcuno tra i balneari pare intenzionato a far causa al Comune. Il problema è sotto gli occhi di tutti. Non sono stati sufficienti gli interventi di contenimento e controllo dell’erosione finora sperimentati e messi in pratica. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Aprile 2017, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 21-04-2017 07:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO