Statali, con gli aumenti addio
agli 80 euro? Ecco la soluzione

Statali, con gli aumenti
addio agli 80 euro?
Ecco la soluzione
Con gli aumenti contrattuali in arrivo per gli statali il bonus di 80 euro introdotto dal governo Renzi potrebbe, per i dipendenti pubblici che ne beneficiano, azzerarsi o ridursi. Si corre quindi ai ripari per evitare questo effetto paradosso. Una soluzione potrebbe essere quella di prevedere una sorta di compensazione per la perdita del bonus. E' l'ipotesi indicata nell'Atto di indirizzo sui rinnovi contrattuali che il ministero della Pubblica Amministrazione invierà all'Aran, l'agenzia che rappresenta le pubbliche amministrazioni italiane nella contrattazione collettiva nazionale.

Nella bozza di 17 pagine si legge che in relazione "alle finalità cui destinare le risorse finanziarie destinate alla contrattazione e, segnatamente, agli incrementi contrattuali, le parti valuteranno l'ipotesi di riconoscere, ad una platea di beneficiari individuata sulla base dei trattamenti stipendiali in godimento, un elemento retributivo distinto dallo stipendio" anche con "finalità compensative" della "prevedibile diminuzione" del beneficio introdotto dal governo Renzi.

A usufruire del bonus sono i dipendenti che hanno un reddito complessivo dai 24 ai 26mila euro. Il beneficio di 80 euro per un totale annuo di 960 euro è infatti riconosciuto ai lavoratori dipendenti che guadagnano fino a 24mila euro. Al superamento di questo limite il credito decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di 26mila euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Giugno 2017, 09:33 - Ultimo aggiornamento: 09-06-2017 11:09

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO