Occhio alle bollette: cinque cose
a cui sarebbe meglio fare attenzione

Occhio alle bollette:
cinque cose a cui sarebbe
meglio fare attenzione
L'arrivo delle bollette a casa vi stressa? Arriva il salvagente per capire come muoversi e cosa fare nei casi in cui si dovessero ricevere conti salati per luce o gas e anche quando i consumi sembrano esagerati.

Ecco quindi il vademecum di 'Altroconsumo' per capire quali sono le cose a cui bisogna fare attenzione.


- Se la bolletta non arriva?

Accertarsi su ogni quanto è previsto che debba arrivare (bimestrale, trimestrale): si tratta di un'informazione che si trova nelle condizioni contrattuali, ricorda l'associazione a tutela dei consumatori. Se non si riceve da un po' di tempo, è meglio contattare l'operatore per fornire l'autolettura.

- Verificare la lettura effettiva

L'importo di quanto si riceve in bolletta potrebbe essere frutto di un consumo stimato e non effettivo. Se la stima utilizzata non convince lo stesso, sottolinea Altroconsumo, contattare l'operatore e comunicare l'autolettura.

- Attenzione alla prescrizione

Ai consumatori non possono essere richieste somme relative a periodi che risalgono a più di 5 anni prima dalla data di emissione della fattura. Se la fattura contiene un importo ormai prescritto, è opportuno sospendere il pagamento della fattura limitatamente agli importi prescritti e fare un reclamo scritto con una raccomandata andata e ritorno.

- Controllare il profilo applicato

Potrebbe capitare che il profilo scelto in fase di stipula del contratto non venga applicato correttamente: è il caso di condizioni per non residenti applicate anche a residenti oppure, si legge sul sito dell'associazione, quelle non per uso domestico ma per altri usi. Cosa fare? Inviare un reclamo al fornitore e chiedere che venga applicato il proprio profilo.

- Quali condizioni contrattuali?

Verificare che le condizioni contrattuali applicate siano quelle corrette. Se l'utente ha richiesto una tariffa bioraria, ad esempio, ricordarsi di controllare che in fattura ci siano i consumi per le diverse fasce orarie 'F1', 'F2' e 'F3'.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 30 Maggio 2017, 11:49 - Ultimo aggiornamento: 30-05-2017 11:51

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO