Doglioni: «Italia, il rischio è alto
Pericolo terremoto ogni 4-5 anni»

Doglioni: «Italia, alto rischio
C'è il pericolo di un forte
terremoto ogni 4-5 anni»
ROMA - L'Italia è un paese a rischio sismico e sappiamo che «statisticamente ci sono almeno 25 terremoti distruttivi ogni secolo e che ogni 4-5 anni ci può essere un terremoto importante». Così il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Carlo Doglioni, nel suo intervento al Workshop sulla prevenzione del rischio sismico in Italia e Giappone, organizzato a Roma dalla Fondazione Italia-Giappone e dall'Ambasciata del Giappone, in collaborazione con il ministero degli Esteri.

«Non siamo ancora in grado di dire quando ci sarà un terremoto - ha ancora detto Doglioni - ma abbiamo buone indicazioni per poter dire quanto sarà grande e, su base probabilistica, dove ci sarà». E almeno in questi territori possiamo difenderci applicando pratiche di prevenzione. «Dobbiamo capire i meccanismi con cui avvengono questi terremoti, capire i segnali, per meglio conoscere il sistema di cui facciamo parte perché se non lo conosciamo non possiamo imparare a conviverci». E proprio quello che manca in Italia è «la consapevolezza di come è fatto il nostro territorio. Dobbiamo studiarlo di più e studiare i meccanismi che controllano terremoti e vulcani». «Secondo uno studio dell'Ingv - ha detto ancora Doglioni »solo il 6% della popolazione è a conoscenza che l'Italia è un paese sismico. Questo spiega il perche la gente non vuole salvarsi la vita costruendo le case in modo più sicuro o facendo gli adeguamenti necessari. Noi sappiamo quali sono le zone a rischio sismico, almeno in quelle dobbiamo iniziare ad applicare pratiche di prevenzione«.

Il workshop ha messo a confronto esperienze italiane e giapponesi sui più importanti terremoti avvenuti nei due paesi per migliorare le conoscenze reciproche e l'efficacia della prevenzione, affrontando in particolare i temi dell'architettura conservativa, dell'edilizia sismica e della protezione dei beni culturali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 1 Dicembre 2016, 20:35 - Ultimo aggiornamento: 03-12-2016 12:08

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO