A San Benedetto il ministero invia
3,4 milioni di euro. Ma non si esulta

Il ministero invia 3,4 milioni
Ma in Comune non si esulta
Bovara: "Tagli troppo alti"
SAN BENEDETTO - Tre milioni e 400 mila euro. E’ la cifra che il ministero dell’Interno ha destinato al Comune di San Benedetto relativo al cosiddetto “fondo di solidarietà”. Si tratta di cifre che lo Stato trasferisce agli enti locali per il mancato gettito derivante dalle tasse locali (Imu, Tasi e così via) viste le agevolazioni introdotte dall’ultima legge di stabilità su prime case e terreni.
Un trasferimento annunciato e soprattutto atteso visto che nel recente bilancio, approvato da poco dal Comune rivierasco, era previsto l’arrivo di 3 milioni di euro. Visto che ne sono arrivati 3,4 c’è chi già esulta per il tesoretto di 400 mila euro ma per il neo assessore al bilancio, ci sarebbe poco da stare allegri visto che ci si aspettava un trattamento decisamente migliore.
Anzi, ci si aspettava che i tagli fossero meno elevati e quindi restassero in cassa molti più fondi.
“Se è vero che ci è stato riconosciuto un ristoro per 3,4 milioni - spiega Bovara - e che noi avevamo iscritto nel bilancio di previsione, in via prudenziale solo 3 milioni, è altrettanto vero che quanto ci è stato dato dalla mano destra ci è stato tolto dalla sinistra. Infatti a questa cifra vanno sottratti 2,702 milioni di euro, che rappresentano il taglio ai fabbisogni standard che ha riguardato il nostro Comune. Insomma, invece che incassare il gettito della tassa è come se ci fossero rimasti solo 692 mila euro. E non rappresentano insomma un avanzo. Quindi non siamo entusiasti di questa somma che è arrivata perché i tagli sono stati molto più alti di quanto ci potessimo attendere".
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 1 Aprile 2016, 09:49 - Ultimo aggiornamento: 01-04-2016 09:49

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO