Monteprandone, morto Stefano Ciabò
Colto da malore prima del calcetto

Stefano, 35 anni, si accascia
e muore. L'imprenditore
era all'estero per lavoro
MONTEPRANDONE  - Paese in lutto per il 35enne Stefano Ciabò. Il giovane imprenditore è morto ieri sera in Bulgaria dove si trovava per lavoro. L'azienda di famiglia ha, infatti, uno stabilimento nell'Est Europa. 
Secondo le prime informazioni il giovane si è accasciato al suolo prima di una partita di calcetto. Si stava cambiando all’interno dello spogliatoio quando ha accusato un malore che non gli ha dato scampo. Inutili i soccorsi. Il giovane imprenditore seguiva la produzione di scarpe e in questo ambito aveva anche una sua creazione, una linea particolare che si chiama la “Ciaboo Shoes”. Un ragazzo come tanti della sua età che amava la vita, i viaggi, le serate in compagnia e che aveva sempre un sorriso per tutti. Così lo ricordano anche gli amici che, già dalle prime ore del mattino, sono stati informati della tragedia.Pare che a stroncare il 35enne sia stato un aneurisma cerebrale ma solo l’eventuale autopsia, che potrebbe essere disposta dalle autorità bulgare, potrà sciogliere i dubbi sulla sua morte. Stefano Ciabò lascia la mamma Germana, la sorella Tina ed il papà.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 12 Aprile 2017, 18:00 - Ultimo aggiornamento: 13-04-2017 10:08

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO