Insulti, calci e pugni: una notte
da Far West. Paura tra la gente

Insulti, calci e pugni
in una notte da Far West
C'erano anche due ragazze
OSIMO - Botte da orbi e minacce con bottiglie di vetro rotte sabato sera in zona San Marco. Un gruppo di circa 7-8 ragazzi di varie nazionalità se le sono date di santa ragione prima in via Leopardi, poco distante dall’ospedale e poi in via Strigola, la stradina che porta all’uscita dal centro storico. Per quasi un’ora, dalle 23,30 e fin dopo mezzanotte, alcuni residenti del quartiere sono stati svegliati dalle grida che giungevano dalla strada e che aumentavano con il passare del tempo al punto che hanno dovuto allertare le forze dell’ordine.

Alcuni cittadini hanno chiamato il 112, altri invece il 113, così nel giro di poco tempo sul posto si sono ritrovati sia Polizia di Stato che carabinieri della stazione di Osimo. Alla vista delle forze dell’ordine i ragazzi coinvolti nella rissa hanno cercato di scappare lungo via Strigola, ma senza desistere dal colpirsi e minacciarsi, lanciando lungo la strada pezzi dei vetri rotti delle bottiglie. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti si tratta di ragazzi dai 18 ai 25 anni residenti nella zona e dediti ad alcol e droghe. Alcuni sono italiani ma immigrati a Osimo dal sud, altri sono nordafricani e altri ancora provenienti dal Sudamerica.

Nel gruppo che ha preso parte alla rissa c’erano anche un paio di ragazze e questo sembrava far propendere il movente della rissa a qualche gelosia a sfondo passionale. Forse una ragazza contesa o qualche apprezzamento di troppo potrebbe aver acceso gli animi. Ma dalle indagini in corso le forze dell’ordine non escludono che i ragazzi si siano azzuffati magari per regolare dei conti in sospeso legati a qualche partita di droga. Al momento nessuno si è rivolto al pronto soccorso per medicarsi e non sono ancora partite denunce da parte di polizia e carabinieri.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 17 Luglio 2017, 05:25 - Ultimo aggiornamento: 17-07-2017 05:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO