Ancona, al supermarket della droga
Crescono ancora i baby spacciatori

Al supermarket della droga
crescono i baby spacciatori
Tutti i numeri del mercato
ANCONA - Nove arresti per droga nella settimana appena trascorsa. In media, ne è stato fatto più di uno al giorno in tutta la provincia dorica. I pusher? Quasi tutti giovanissimi. Non importa che tipo di droga si cerchi di vendere, l’età per lo spaccio sembra essersi abbassata. È la diretta conseguenza della prima volta in cui ci si avvicina al classico spinello. In alcuni casi, il contatto con le droghe leggere avviene alle scuole medie, tra i 12 e i 14 anni. Perché la marijuana e l’hashish vengono considerate sostanze da provare assolutamente, pena l’esclusione dal gruppo. Ma chi poi non riesce ad uscirne rischia di cadere nel tunnel dello spaccio.

E allora, il passo per trasformarsi in baby spacciatori diventa breve. Come è corto quello che porta i giovani nella mischia delle organizzazioni criminali, alcune delle quali di stampo internazionale. Basti pensare al 23enne domenicano arrivato da Barcellona dopo aver ingerito 23 ovuli di cocaina purissima destinati al mercato anconetano. Oppure al 19enne, già finito nei guai per spaccio quando era minorenne, arrestato lo scorso mercoledì dagli agenti della Questura con 50 grammi di marijuana diretti ai suoi vicini di casa, in via Flaminia. O ancora, al 22enne preso dai carabinieri di Loreto con oltre un etto di hashish. Sostanze diverse, storie diverse per una stessa conclusione: il mondo della droga, dallo smercio alla detenzione fino al consumo, è l’icona di un fenomeno che nel corso degli anni non è si mai fermato un attimo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Aprile 2017, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 18-04-2017 06:35

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO