La Storia

Sede storica del Corriere Adriatico Il "Corriere Adriatico" inizia le pubblicazioni il 5 ottobre 1860, sei giorni dopo l'ingresso ad Ancona delle truppe piemontesi, e dopo la battaglia di Castelfidardo.
E' lo stesso commissario regio, Lorenzo Valerio, per il governo delle Marche a dar vita al giornale che, con la testata "Corriere delle Marche", divulga decreti, ordinanze e disposizioni del governo Italiano.

Cessata la gestione commissariale, il quotidiano diventa organo del partito liberale e primo direttore č lo storico Luigi Mercantini. A fine ottocento inizia la gestione "dinastica" dei Vettori, famiglia marchigiana di tradizione e di censo.
E quando il Corriere cambia proprietā, Giacomo Vettori fonda "L'Ordine" con la precisa intenzione di continuare la precedente linea politica moderarata e conservatrice.

Nel 1926, con la promulgazione delle leggi fasciste sulla stampa, a "L'Ordine - Corriere delle Marche", che nel frattempo si erano fusi, si sostituisce il "Corriere Adriatico".
La fine della guerra segna anche l'eclisse temporanea della testata.
Per quasi tre decenni la sua ereditā morale e politica č raccolta dalla "Voce Adriatica".
Fino al 1971, quando, il 24 aprile, l'editore Francesco Sensi riporta in edicola il "Corriere Adriatico". Il giornale conquista rapidamente un'ampia fascia di lettori fino ad assicurarsi una posizione capillare nella regione.

Dal giugno del 2004 il "Corriere Adriatico" č entrato a far parte del gruppo editoriale Caltagirone, guidato dall'ing. Francesco Gaetano Caltagirone, ricevendo un ulteriore impulso al suo costante sviluppo.
Investimenti sull'innovazione tecnologica, in particolare, hanno permesso una maggiore penetrazione sul territorio e la realizzazione di un prodotto giornalistico adeguato alle diverse esigenze dei lettori.

Il quotidiano marchigiano ha la redazione centrale ad Ancona e redazioni decentrate a Pesaro, Macerata, Ascoli Piceno, Fermo.
Dal giugno 2006 vede l'ingresso del colore con cinque edizioni con cronache, sport, rubriche, inserti ed iniziative promozionali su tutto il territorio regionale. Dal 20 dicembre 2001 il direttore responsabile č Paolo Traini.